Sono venuto a portare il fuoco sulla terra (Lc 12,49)

Se sarete quello che dovete essere metterete fuoco a tutto il mondo (Giovanni Paolo II)

Blog | Movimento per la Vita | Club Alcologico Territoriale | Radio/Podcasting | Area download | Libri consigliati | Scrivimi

« La carità quando dimora in un'anima occupa interamente tutte le sue potenze; nessun riposo; è un fuoco che agita continuamente: tiene sempre in esercizio, sempre in moto la persona una volta che ne è infiammata »  (Vincenzo de' Paul)

Grazie alla partecipazione alla duplice mensa della Parola e dell’Eucaristia riceviamo la missione di essere “l’anima” di questa nostra società, fermento di rinnovamento, pane “spezzato” soprattutto per chi vive in situazioni di disagio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cristo benedicente-Antonello da Messina-National Gallery di Londra

 

 

Dalle «Omelie» di San Giovanni Crisostomo
Vuoi onorare il corpo di Cristo? Non permettere che sia oggetto di disprezzo nelle sue membra, cioè nei poveri, privi di panni per coprirsi. Non onorarlo qui in chiesa con stoffe di seta, mentre fuori lo trascuri quando soffre per il freddo e la nudità. Colui che ha detto: "Questo è il mio corpo", confermando il fatto con la parola, ha detto anche: "Mi avete visto affamato e non mi avete dato da mangiare" e "ogni volta che non avete fatto queste cose a uno dei più piccoli fra questi, non l'avete fatto neppure a me".
Il corpo di Cristo che sta sull'altare non ha bisogno di mantelli, ma di anime pure; mentre quello che sta fuori ha bisogno di molta cura. Impariamo dunque a pensare e a onorare Cristo come egli vuole. Infatti l'onore più gradito, che possiamo rendere a colui che vogliamo venerare, è quello che lui stesso vuole, non quello escogitato da noi.
Che vantaggio può avere Cristo se la mensa del sacrificio è piena di vasi d'oro, mentre poi muore di fame nella persona del povero? Prima sazia l'affamato, e solo in seguito orna l'altare con quello che rimane. Gli offrirai un calice d'oro e non gli darai in bicchiere d'acqua? che bisogno c'è di adornare con veli d'oro il suo altare, se poi non gli offri il vestito necessario? che guadagno ne ricava egli? Dimmi: se vedessi uno privo del cibo necessario e, senza curartene, adornassi d'oro solo la sua mensa, credi che ti ringrazierebbe, o piuttosto non s'infurierebbe contro di te? e se vedessi uno coperto di stracci e intirizzito dal freddo, e, trascurando di vestirlo, gli innalzassi colonne dorate, dicendo che lo fai in suo onore, non si riterrebbe forse di essere beffeggiato e insultato in modo atroce?
Pensa la stessa cosa di Cristo, quando va errante e pellegrino, bisognoso di un tetto. Tu rifiuti di accoglierlo nel pellegrino e adorni invece il pavimento, le pareti, le colonne e i muri dell'edificio sacro. Attacchi catene d'argento alle lampade, ma non vai a visitarlo quando lui è incatenato in carcere. Dico questo non per vietarvi di procurare tali addobbi e arredi sacri, ma per esortarvi a offrire, insieme a questi, anche il necessario aiuto ai poveri, o, meglio, perché questo sia fatto prima di quello. Nessuno è mai stato condannato per non aver cooperato ad abbellire il tempio, ma chi trascura il povero è destinato alla geenna, al fuoco inestinguibile e al supplizio con i demoni. Perciò,
mentre adorni l'ambiente per il culto, non chiudere il tuo cuore al fratello che soffre. Questo è il tempio vivo più prezioso di quello.

Motivo del titolo “FUOCOVIVO”

Eugène Burnand, Pietro e Giovanni accorrono al sepolcro la mattina della Resurrezione, 1898 (Parigi, Musée d'Orsay)Quando ti imbatti in una cosa bella, la racconti. E quando ti imbatti in una cosa vera, la dici. E se hai capito che la storia di Gesù ha illuminato il cammino del mondo e dell'uomo dandogli senso, allora lo racconti.

Non  puoi farne a meno. E' come se dentro ti ardesse un fuoco, un "Fuoco Vivo".

E se l'incontro con Gesù ha cambiato la tua esistenza dandole forza, direzione, senso, allora inviti gli amici a condividerla.

SE VUOI ASCOLTARE LA CANZONE

 "Come fuoco vivo - Gen Rosso & Gen Verde"

CLICCA QUI

 

Azione e Contemplazione

 Jan Vermeer, Cristo in casa di Marta e Maria, 1654-1655 Fra gli episodi evangelici che possono illuminare il cammino del cristiano e che ci pongono il problema del nostro atteggiamento dinanzi a Cristo, l’episodio di Marta e Maria ci fa riflettere sul modo di accogliere il Salvatore nella nostra esistenza.

I Santi hanno sperimentato una profonda unità di vita tra preghiera e azione, tra l’amore totale a Dio e l’amore ai fratelli. San Bernando, che è un modello di armonia tra contemplazione ed operosità, nel libro De consideratione, indirizzato al Papa Innocenzo II per offrigli alcune riflessioni circa il suo ministero, insiste proprio sull’importanza del raccoglimento interiore, della preghiera per difendersi dai pericoli di una attività eccessiva, qualunque sia la condizione in cui ci si trova e il compito che si sta svolgendo. San Bernardo afferma che le troppe occupazioni, una vita frenetica, spesso finiscono per indurire il cuore e far soffrire lo spirito (cfr II, 3).

E’ un prezioso richiamo per noi oggi, abituati a valutare tutto con il criterio della produttività e dell’efficienza.

Senza la preghiera quotidiana vissuta con fedeltà, il nostro fare si svuota, perde l’anima profonda, si riduce ad un semplice attivismo che, alla fine, lascia insoddisfatti. C’è una bella invocazione della tradizione cristiana da recitarsi prima di ogni attività, che dice così: «Actiones nostras, quæsumus, Domine, aspirando præveni et adiuvando prosequere, ut cuncta nostra oratio et operatio a te semper incipiat, et per te coepta finiatu, cioè: «Ispira le nostre azioni, Signore, e accompagnale con il tuo aiuto, perché ogni nostro parlare ed agire abbia sempre da te il suo inizio e in te il suo compimento». Ogni passo della nostra vita, ogni azione, anche della Chiesa, deve essere fatta davanti a Dio, alla luce della sua Parola.

 

LEGGI ANCHE: "Preghiera o Carità?"

 

 

Copio e incollo...

Mi ha impressionato di recente leggere una pagina di San Vincenzo de’ Paoli, il Santo della carità, che decise di dedicare tutta l'esistenza alla cura e all'evangelizzazione dei più poveri che popolavano le città e le campagne, e quindi sembrerebbe, dell’attivismo e dell’iniziativa; e invece scrive:

“Le cose di Dio si fanno da sé e la vera sapienza consiste nel seguire passo passo la Provvidenza. Spesso le opere si guastano perché si agisce secondo le proprie inclinazioni. Le opere di Dio non si fanno quando desideriamo noi, bensì quando piace a lui. Aspettate sempre pazientemente l’evidenza della sua santa e adorabile volontà. Noi dobbiamo contentarci di mettere a frutto i pochi talenti che ci ha messo in mano, senza darci pena per averne dei più grandi, o dei più estesi. Se siamo fedeli nel poco, Dio ci costituirà sopra il molto; ma questo riguarda lui e non noi. Lasciamolo fare e rimaniamo tranquilli nel nostro guscio. Se desidera qualcosa di più, sarà lui a provvedere e non noi. Se Dio vuole che la cosa si faccia, il ritardo non guasterà nulla; e meno ci sarà del nostro, più ci sarà del suo.
Dobbiamo gemere davanti a Dio nel vedere tanti bisogni nella Chiesa, e pregare la divina bontà che voglia provvedervi e inviare buoni operai alla sua vigna; mai offrirci noi agli uomini in un qualche luogo prima che vi siamo chiamati, non lo dobbiamo fare. Se Dio vuol servirsi di noi per qualche cosa che riguarda la sua gloria, egli, a questo scopo, ci conserverà; io lo credo. La grazia ha i suoi momenti. Abbandoniamoci dunque alla Provvidenza di Dio e guardiamoci dal volerla anticipare” (da Perfezione evangelica)

 

LA PREGHIERA DEL SITO

I discepoli di Emmaus

Quando fu a tavola con loro, prese il pane, disse la benedizione, lo spezzò e lo diede loro. Allora si aprirono loro gli occhi e lo riconobbero. Ma lui sparì dalla loro vista. Ed essi si dissero l'un l'altro: «Non ci ardeva forse il cuore nel petto mentre conversava con noi lungo il cammino, quando ci spiegava le Scritture?». E partirono senz'indugio e fecero ritorno a Gerusalemme, dove trovarono riuniti gli Undici e gli altri che erano con loro, i quali dicevano: «Davvero il Signore è risorto ed è apparso a Simone». Essi poi riferirono ciò che era accaduto lungo la via e come l'avevano riconosciuto nello spezzare il pane. Mentre essi parlavano di queste cose, Gesù in persona apparve in mezzo a loro e disse: «Pace a voi!». (Lc 24,30-36)

 

PREGHIAMO INSIEME

Santo Spirito, concedici di bruciare per incendiare! E se già bruciavamo, donaci di bruciare ancora di più, non per noi, ma per comunicare questo fuoco d’Amore a quelli che incontriamo, specialmente a coloro che non hanno ancora dato la loro vita a Gesù.

 

«TESTIMONI DEL RISORTO.

ANCHE SU INTERNET»

“Il web non come uno spazio virtuale da occupare ma un ambito in cui offrire la nostra testimonianza, e dove riportare senso, dialogo e relazioni”.

Questo, in una frase, quanto è scaturito dal Convegno nazionale “Testimoni Digitali” organizzato dalla CEI a Roma nei giorni 22-23-24 aprile 2010.

Difficile descrivere in così poche righe quanto detto dai numerosi e prestigiosi relatori che si sono alternati durante i lavori. Essi hanno di volta in volta indicato le linee guida che la Chiesa del nuovo millennio deve seguire per poter affrontare le sfide missionarie, educative ed etiche della Rete internet. “Bisogna rompere il silenzio su temi come vita, famiglia, solidarietà per essere sale di sapienza senza conformismi” – ha dichiarato il Card. Bagnasco –, che ha definito Internet “luogo per annunciare Cristo e l’uomo”.

La rete è infatti sempre più un “luogo” da frequentare per stare in contatto con gli altri, e poiché la Chiesa ha nell’annuncio di un messaggio e nelle relazioni di comunione due pilastri fondanti del suo essere, Rete e Chiesa sono destinate ad incontrarsi.

Sentir dire che “è urgente annunciare Cristo anche su internet”, da cristiano che da anni vi opera – seppur in maniera amatoriale ma allo stesso tempo appassionato –, mi ha reso molto felice.

Il Convegno ha sicuramente fornito una iniezione di fiducia che adesso va trasferita nelle diocesi.

È indispensabile che ognuno di noi – presbiteri e laici, uomini e donne, giovani ed adulti, insegnanti e catechisti, operatori della comunicazione e scettici del mondo digitale – rifletta sul grande potenziale costituito dalle tecnologie digitali e su come esse stiano modificando non soltanto il nostro modo di informarci e di comunicare, ma anche e più in profondità le stesse  relazioni tra persone. In sinergia con quanto proposto dall’attuale Piano Pastorale della Chiesa di Mazara del Vallo “Comunicazione e Missione”, impegniamoci,  quindi, a lasciare sul web tracce visibili di Cristo.

Ma occorre essere preparati e soprattutto attenti a puntare l’attenzione sull’uomo.

“Non ci si può accontentare – come ha detto Mons. Giuliodori, presidente della Commissione episcopale per la cultura e le comunicazioni sociali – di dare una verniciatura digitale alla testimonianza cristiana illudendosi che sia sufficiente adottare qualche nuovo strumento di comunicazione per rendere l’azione più accattivante e accettata”. La questione è ben più profonda. Siamo chiamati a dare un’anima alla rete.

Vittore Saladino

 

L’icona o immagine che serve da modello per i credenti che vivono nel mondo della comunicazione (tratta dal capitolo 8 degli Atti degli Apostoli).

Il diacono della Chiesa nascente Filippo è inviato dallo Spirito Santo in una zona quasi desertica e lì trova un etiope, al servizio della regina Candace, che legge la Scrittura ma senza comprenderne il significato. Filippo cammina accanto al carro dell'eunuco, lo ascolta, gli chiede se comprende ciò che legge.

L'etiope risponde con umiltà che ha bisogno che gli venga spiegato. Filippo sale sul carro e gli spiega le Scritture annunciandogli il Signore Gesù Cristo. L'uomo chiede di essere battezzato, e Filippo, dopo averlo fatto, viene portato via dallo Spirito. Quel nuovo cristiano prosegue sul suo cammino, molto felice.

Monsignor Celli ha invitato i partecipanti al Convegno “Testimoni digitali” svoltosi a Roma dal 22 al 24 aprile 2010, a esercitare un'autentica “diakonia” della cultura, vale a dire un servizio specifico alle persone che sono alla ricerca di un senso per la loro vita, spesso sole anche se a volte dotate di numerosi mezzi di comunicazione, per ascoltarle, camminare con loro, andare al loro ritmo in una compagnia autentica e proclamare loro in un modo adeguato alla loro cultura la Buona Novella di Gesù Cristo.

Responsabile del sito

Vittore Saladino

91025 MARSALA (TP)

Cell. 328.9736094

Cercami anche su:

Blog | Movimento per la Vita | Club Alcologico Territoriale | Radio/Podcasting | Area download | Libri consigliati | Scrivimi

I contenuti di questo sito sono conformi all'insegnamento del magistero della Chiesa Cattolica.

I collegamenti con altri siti della rete internet sono stati controllati al momento del loro inserimento. Non si è responsabili, pertanto, di eventuali modifiche apportate successivamente in tali siti collegati che non risultano più conformi ai contenuti della fede e della morale cattolica.

Si pregano i visitatori di questo sito a segnalare al responsabile di questo sito internet eventuali contenuti non conformi alla fede e alla morale cattolica che venissero riscontrati in tali siti della rete internet collegati.